Lutria partner del progetto “Sve(g)liamo la Dormiente” con WWF Sannio e Fondazione con il Sud

La Dormiente è il massiccio del Taburno-Camposauro, in provincia di Benevento, il cui profilo da lontano ricorda quello duna donna sdraiata. Il massiccio del Taburno-Camposauro, l’omonimo Parco Regionale che lo tutela e la Foresta Demaniale Regionale Taburno, saranno interessate dalle azioni del progetto “Sve(g)liamo la Dormiente”, che il WWF Sannio, in partnership con associazione del luogo e soggetti scientifici, ha candidato a finanziamento nell’ambito del bando Ambiente 2018 di Fondazione con il Sud.

Il progetto ha ottenuto il contributo della Fondazione ed è appena partito. Tre sono le linee di azione di “Sve(g)liamo la Dormiente” che si occuperà di Conservazione, Fruizione e Partecipazione attraverso attività di studio e monitoraggio delle specie e degli habitat di interesse comunitario e conservazionistico, tutela e miglioramento dello stato di conservazione di habitat forestali  e specie tutelate, realizzando ambienti acquatici artificiali per anfibi, incrementando la disponibilità di rifugi per chirotteri fitofili ma anche uccelli e roditori arboricoli come il moscardino (Muscardinus avellanarius), promuovendo nel contempo l’avvio di forme di gestione forestale indirizzate alla conservazione della biodiversità. Una fruizione consapevole e rispettosa del territorio, sarà ottenuta attraverso la cura e segnalazione della rete dei sentieri, mentre diverse azioni di formazione e didattica, insieme all’avvio di una sperimentazione di governance partecipata atrverso un contratto di falda, mireranno a realizzare una forte e concreta partecipazione del territorio agli obiettivi del progetto.

Lutria è partner di Sve(g)liamo la Dormiente e curerà la realizzazione di azioni per lo studio della mammalofauna con particolare riferimento a carnivori e chirotteri forestali, ma anche alla lontra, producendo le conoscenze a supporto della gestione dei boschi e delle azioni di conservazione e tutela del Parco. Lutria contribuirà inoltre alla diffusione delle conoscenze sulle specie di mammiferi del Taburno-Camposauro partecipando alla stesura dell’atlante della fauna e della flora locali, ad attività di didattica naturalistica con le scuole e alla disposizione di bat-box e cassette-nido nella Foresta Demaniale. In questo progetto, in cui i pipistrelli sono una componente importante della biodiversità da tutelare, i soci Lutria snc saranno affiancati dallo specialista di chirotteri Pier Paolo De Pasquale.

Le attività in campo inizieranno a breve!