La mammalofauna di BIO.FOR.POLIS

Prosegue l’attuazione del progetto BIO.FOR.POLIS – Tutela ed incremento della biodiversità e dei servizi ecosistemici e sociali nelle foreste dell’area metropolitana Napoli-Caserta”, sostenuto da Fondazione con il Sud.

Il progetto, elaborato dagli ornitologi dell’Associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale ASOIM onlus e dai teriologi della società LUTRIA snc, prevede diverse tipologie di azione che includono indagini faunistiche, la formazione e la didattica naturalistica, il miglioramento ed incremento dell’habitat per alcune specie di uccelli e mammiferi, ed è realizzato nelle Riserve Naturali Statali di Castelvolturno e Tirone-Alto Vesuvio, gestite dall’Ufficio Territoriale Carabinieri (UTCB) per la Biodiversità di Caserta.

Avviato lo scorso giugno 2016, complesso ed articolato, è stato presentato nel dettaglio durante un convegno di apertura tenutosi al Centro Formazione Carabinieri di Castelvolturno, lo scorso novembre, e proseguirà nel corso del biennio 2017-2018.

LUTRIA snc, partner del progetto e membro del coordinamento, è responsabile delle azioni che coinvolgono la mammalofauna delle due riserve. In particolare il progetto prevede la realizzazione di un sistema di rilevamento remoto della mammalofauna basato sull’utilizzo di fotovideotrappole e registratori acustici e di ultrasuoni, e la realizzazione di uno studio pilota su presenza e distribuzione del moscardino (Muscardinus avellanarius) nella RNS Tirone-Alto Vesuvio.

Ad oggi sono state allestite 10 stazioni di fotovideotrappolaggio nella RSN Tirone-Alto vesuvio e due stazioni nella RNS di Castelvolturno. Sono stati anche effettuati i primi controlli e acquisite le prime immagini e video della fauna omeoterma delle due riserve. Non sono mancate sorprese, quale la presenza del tasso (Meles meles) nella RNS di Castelvolturno.

Sono state inoltre già posizionate 75 nest-box per il moscardino in 25 siti della Riserva NS Tirone Alto Vesuvio distribuite casualmente a gruppi di 3, nelle principali categorie vegetazionali della Riserva. A breve il primo controllo.

Gli avanzamenti e risultati preliminari delle attività possono essere seguiti sul blog Esperienze con il Sud di Fondazione, alla pagina di BIOFORPOLIS

Nell’ambito del progetto, LUTRIA condivide inoltre le azioni relative alla erpetofauna, segue la caratterizzazione di uno stagno temporaneo retrodunale nella Riserva di Castelvolturno, ed è coinvolta nelle azioni di formazione e nella comunicazione.